Come per ogni cosa a questo mondo, anche i processori di casa blu seguono una nomenclatura e hanno dei nomi specifici che servono a differenziarsi dagli altri prodotti.

QUALI SONO LE LETTERE DELLE CPU INTEL?

Le lettere principali che troviamo sui processori sono 12 e sono combinabili tra di loro. Per comodità ci riferiremo solamente alle ultime generazioni di processori disponibili sul mercato, in quanto in passato queste lettere posso aver indicato altri aspetti del processore.

Nelle versioni desktop mainstream (e IoT) troviamo le lettere

E - Il processore è “embedded”, sistema principalmente utilizzo per IoT.

F - Il processore non ha una GPU integrata

K - Indica che il processore è overclockabile

S - Edizione speciale

T - Processore ottimizzato per i consumi 

Fonte della foto 

Come detto prima queste lettere sono combinabili. Per questo esistono processori come il 9900KS o il 10900KF. Ciò implica che i processori avranno entrambe le caratteristiche

Nelle versioni mobile invece

U - Indica una versione mobile del processore orientata all’efficienza

Y - Versione a consumo bassissimo

H - Processore bloccato orientato alle performance

HQ - Processore bloccato orientato alle performance, quad core

HK - Processore sbloccato orientato alle performance

Da G1 a G7 - Processore con GPU integrata (Il numero indica il potenziale della gpu)

Hai già letto le nostre guide sui migliori portatili? Le trovi qui!

E PER LE CATEGORIE MAGGIORI?

Salendo di categoria, troviamo i suffissi per processori di tipologia HEDT (High End Desktop Tower) e Server.

Attenendosi solo a quelli moderni, partiamo da quelli di serie X di architettura Cascade Lake, che aggiungono 2 lettere. Questi seguono fondamentalmente la nomenclatura dei processori mainstream, con qualche differenza nella composizione del numero. (Es. i9 - 10980-XE)

X - Processore Intel HEDT di serie X e contraddistingue tutte le CPU di questa serie.

XE - Indica il processore più potente in assoluto nella categoria.

XM - Non esistono più, ma erano le versioni mobile degli X-Series.

Fonte della foto

Passando invece agli XEON, i processori per Server di casa blu, abbiamo 4 famiglie in ordine crescente di qualità indicate da Bronze, Silver, Gold e Platinum. Queste sono introdotte dalla caratterizzazione E5 o E7, seguita poi dallo SKU 3000 (Bronze), 4000 (Silver), 5000, 6000 (Gold) e 8000 (Platinum)

Per quanto riguarda le lettere che fanno da suffisso, invece

F - Modello standard

P - Modello per usi FPGA 

T - Maggiore affidabilità a temperature maggiori / Ottimizzato

M - supporto memorie esteso, fino a 1.5 TB

Un esempio può essere Intel Xeon (E7) Platinum 8176F. 

Xeon nomenclatura intel

Fonte: Intel

 

Per quanto per anni le combinazioni di lettere e numeri siano state lineari e alquanto semplici da identificare nell’ambito mainstream, come quella che segue, ci sono state alcune variazioni particolari nell’ambito dei processori mobile.

VEDIAMO UN CASO SPECIFICO

In un caso normale, il nome del processore potrebbe essere composto come segue

Intel Core i9 - 10900 KF

Si divide quindi così

  1. Intel indica l’azienda produttrice.
  2. Core indica la famiglia del processore.*
  3. i9 - come i3, i5 e i7 - indica la variante del prodotto in ordine crescente di qualità.
  4. 10 - cioè le prime 2 cifre (Fino a Coffeelake-S, la serie 9000, era la prima) del numero che segue indicano la generazione, in questo caso la decima. 
  5. 900 è a seguire il modello specifico del prodotto, appartenente alla variante i9. Il 9xx-K è solitamente il top di gamma delle versioni desktop mainstream. 
  6. Assieme, la lettera K e F indicano un processore overclockabile senza GPU integrata.

Risulta importante specificare la famiglia del processore perché non tutte le CPU di casa Intel sono appartenenti alla “Core”. Intel Pentium e Intel Celeron, processori per utilizzi meno impegnativi rispetto a quelli pensati per la famiglia Core, sono altre due ramificazioni.

Fonte della foto

I nomi per i processori Intel Pentium Silver includono un prefisso di una sola lettera, seguito da un numero SKU di quattro cifre. (Es. Intel Pentium J5040) I processori Intel Pentium Gold fino alla serie 6000 hanno avuto la lettera G seguita da 4 numeri, invece dalla 7000 (Tecnicamente Tiger Lake Mobile) in poi non hanno più un prefisso di lettera e contengono uno SKU di 4 cifre seguito da un suffisso.

Numeri più alti all'interno della classe o della famiglia di processori indicano generalmente caratteristiche e risultati migliori, tra cui cache, core o velocità di clock.

Come nota finale, c’è da dire che negli ultimi anni le nomenclature dedicate ai processori mobile della famiglia Core si sono complicate notevolmente, diventando spesso indecifrabili al volo.

Il caso più eclatante è sicuramente quello di serie 10000 e 11000 mobile. Prendiamo Tiger Lake, l’11° generazione, come esempio per essere al passo coi tempi.

Fonte: Intel

Analizziamo il caso dell'i7 - 1160G7, che ha fatto confondere molte persone a prima vista.

Come prima, i7 indica la variante.

11” indica la generazione di appartenenza.

60 specifica il modello di i7 di 11° generazione che abbiamo tra le mani, in questo caso identifica il top di gamma tra quelli della tipologia non embedded.

G7 - come detto prima - richiama la miglior versione possibile della tecnologia Iris XE di Intel

Abbiamo capito che ai signori in casa Intel piaccia una sfida. Ma con una disponibilità di processori così ampia e così tanti anni di produzione alle spalle è normale dover fare i salti mortali per distinguere tutte le loro creazioni.

Fonte dell'articolo: Intel

Categoria: Hardware

Sottocategoria: CPU