Gli switch sono i componenti della nostra tastiera meccanica che non vediamo, ma che più percepiamo. Invisibili a meno di rimuovere i keycaps, sono responsabili dell'attuazione e del tipo di feedback restituito quando premiamo un tasto.

Questi piccoli meccanismi possono sembrare tutti simili tra loro, ma non lo sono. Sono il carattere della nostra tastiera.

Se invece fossimo indecisi su che modello di tastiera meccanica acquistare, ecco delle chiare guide a riguardo

Le migliori tastiere meccaniche sotto i 100€: Link
Le migliori tastiere meccaniche sopra i 100€: Link
Le migliori tastiere meccaniche Wireless: Link 

E se la tastiera che ci piace tanto non è presente in questa guida? Purtroppo vuol dire che quella tastiera non vale il prezzo per cui costa o che ci sono alternative decisamente migliori per quella fascia di prezzo. La scelta è comunque tanta, troveremo sicuramente quello che più fa per noi!

 

COME È FATTO UNO SWITCH MECCANICO?

Prima di soffermarci sul tipo di feedback che uno switch può offrire è necessario capire come è costruito e da che componenti è composto. Per aiutarci guardiamo questo ottimo esploso di uno switch MX-style (ovvero come quelli che troviamo nella maggior parte delle tastiere in commercio)

Esploso di un Tangerine C³

 

HOUSING

Come possiamo vedere dall'immagine, l'housing è suddiviso in due parti, quella superiore e quella inferiore. Come suggerisce anche il nome, è la parte più esterna dello switch, al suo interno racchiude tutte le altri componenti.

Il bottom housing in particolare ha due pin metallici nella parte inferiore. Quando inseriamo lo switch nella tastiera, questi due pin fanno contatto con il PCB. Nella maggior parte dei casi questi pin vanno saldati negli appositi slot del PCB, in altri casi invece non è necessaria la saldatura. Nella parte interna del bottom housing troviamo gli scomparti per poter inserire la molla e la leaf.

Il top housing invece è semplicemente la cupola superiore del nostro switch, unito al bottom housing abbracciano tutti i componenti al suo interno. Entrambi i componenti devono essere tagliati con altissima precisione in modo che non si abbiano problemi di tolleranze quando inseriti nel PCB della tastiera. 

Si potrebbe generalizzare che sia bottom housing che top housing siano costruiti in semplice plastica, ma non è così. Il tipo di materiale utilizzato in uno switch può cambiare drasticamente fluidità, suono e solidità (wobble, per i più esperti). I materiali utilizzati rientrano in generale nella famiglia dei polimeri che però, sono una famiglia davvero ampia. Il bottom housing spesso è un misto tra plastica (polimeri) e fibra di vetro. Ad esempio, alcuni switch lineari famosi per essere "fluidi" vengono realizzati con un particolare tipo di materiale chiamato Polietilene ad altissimo peso molecolare o più semplicemente UHMWPE. Ok, forse non così semplicemente. Il motivo per cui si utilizza questo materiale è la sua altissima viscosità.

MOLLA

La molla è una delle parti più importanti di uno switch meccanico, perchè ne determina il carattere. Come sappiamo la molla è un corpo capace di comprimersi (e allungarsi) se le viene applicata una determinata forza. Quando premiamo un tasto della tastiera, non facciamo altro che comprimere la molla presente all'interno dello switch. Questa quando compressa oppone resistenza ed allo stesso tempo accumula energia potenziale. Una volta che siamo arrivati a fine corsa e rilasciamo il tasto, l'energia potenziale si trasforma in energia meccanica e la molla si allunga tornando alla posizione di riposo iniziale. 

Sicuramente ci è capitato di leggere "forza di attuazione di 45 g" nella descrizione di uno switch: questo dato dipende dalla capacità della molla di resistere alla pressione che gli applichiamo durante la discesa. Più questa molla è "pesante" più forza servirà per attuare lo switch.

In breve, il Newton misura la forza. Sulla terra l’accelerazione gravitazionale è all’incirca uniforme, di 9,81 m/s². Una piccola massa di 45 g applicherà una forza di circa 45 cN (centiNewton - un centesimo di Newton).

Vediamo qualche esempio con i famosi Cherry MX:

  • Cherry MX Silver: 45 cN
  • Cherry MX Red: 45 cN 
  • Cherry MX Brown: 55 cN
  • Cherry MX Blue: 60 cN
  • Cherry MX Black: 60 cN
  • Cherry MX Clear: 65 cN
  • Cherry MX Green: 80 cN

METAL LEAF

Questo componente è il cuore di ogni switch meccanico e spesso, se ben costruita, la base della sua durabilità negli anni. Di norma laccata in oro è la responsabile del contatto e dell'attuazione di ogni switch meccanico. Proprio grazie al metallo con cui è rivestita il contatto elettrico riesce a proteggere la parte interna dalla corrosione assicurando oltre 50 milioni di attuazioni nel corso del tempo.

Quando premiamo un tasto della tastiera lo stem scorre su questi contatti triangolari che si vanno ad incontrare trasversalmente e ad angolo retto con estrema precisione. Facendo così vanno a chiudere il circuito elettrico ed infine trasmettono il segnale di pressione di quel preciso tasto.

STEM

È sicuramente il componente più interessante di tutto lo switch: assieme alla molla definiscono le caratteristiche dello switch, dalla tattilità o linearità, alla forza di attuazione. 

Spesso in molti switch il colore dello stem ne determina il nome. Siamo abituati ad associare un Cherry MX Red ad un Lineare, un Brown ad un tattile ed un Blue ad un clicky. Lo stem è anche dotato del cosiddetto sistema cross-mount che con la sua iconica forma a croce permette di inserirsi perfettamente all'interno dei keycaps

Lo stem varia in materiale e forma a secondo dello switch. Come possiamo vedere dalle animazioni nella sezione successiva, notiamo come una piccola variazione nella forma delle "gambette" laterali dello stem, cambi drasticamente il feedback restituito.

 

TATTILI, LINARI E CLICKY: COSA CAMBIA?

Sicuramente avremo incontrato questa terminologia se ci siamo mai interessati al mondo delle tastiere meccaniche. Può essere difficile da capire!


Un simpatico commento di un utente Amazon

SWITCH LINEARI

Nel caso di uno switch lineare, come il Cherry MX Black, le gambette dello stem sono dritte, senza alcun rialzo. Questo fa sì che la discesa dello switch sia totalmente lineare: non incontreremo alcuna interruzione durante la pressione. Questo tipo di switch è totalmente privo di feedback tattile o uditivo.

NOTA: Tutti gli switch emettono un suono, quando scriviamo che sono privi di feedback uditivo intendiamo che non vi è nessuna componente dello switch che l'esclusivo scopo di emettere un suono, come invece vedremo successivamente.

Funzionamento di un Cherry MX Black, uno switch lineare

SWITCH TATTILI

Nel caso di uno switch tattile, come il Cherry MX Clear, le gambette dello stem non sono lineari. Come possiamo vedere è presente un rialzo, come una gobba, responsabile del tipico "bumb" che percepiamo quando utilizziamo gli switch tattili. È come se tra inizio e fine corsa vi fosse un gradino. La posizione di questo gradino varia da switch a switch, possiamo incontrarlo immediatamente durante la discesa, o in mezzo.

Il bump può essere molto accentuato ed immediatamente ad inizio corsa, come negli Holy Panda ad esempio, come può essere quasi inesistente ed a metà corsa come nei Cherry MX Brown. Quale scegliere sono preferenze!

Funzionamento di un Cherry MX Clear, uno switch tattile



SWITCH CLICKY

Il discorso per uno switch clicky è ben diverso, come possiamo vedere, nel caso dei Cherry MX Blue, lo stem non la forma canonica alla quale siamo abituati. Attorno ad esso vi è una componente bianca che lo avvolge, chiamata click jacket. Non appena premiamo lo switch e la parte bianca colpisce lo stem, dopo il bump tattile, viene emesso un suono "click". 

Gli switch clicky, specialmente gli MX, sono amati o odiati. Spesso amati da chi è alla prima tastiera meccanica ed odiati da chi non è alle prime armi. Tuttavia la situazione si complica ancora: non esiste solo questo metodo per ottenere un feedback uditivo dallo switch. 

Tutti i Cherry ed i Gateron di tipo clicky, utilizzano il metodo della click jacket, esattamente come quello nella animazione del Cherry MX Blue. All'interno della community questo tipo di implementazione è sempre stata disprezzata a causa di un feedback sonoro plasticoso e poco consistente. Molto apprezzato è invece il metodo della click bar, che troviamo in molti degli switch marchiati Kailh come ad esempio i Box White, i Box Jade e i Box Navy. 

Funzionamento di un Cherry MX Blue, uno switch clicky 

 

QUALE SCEGLIERE? QUAL È MIGLIORE PER IL GAMING?

Non iniziamo a rigettare odio su questo articolo a causa di questo titolo, era una domanda a trabocchetto, stiamo sereni. Non esiste uno switch ideale per il gaming, esiste solo uno switch adatto alle nostre preferenze!

Dobbiamo stare attenti però, è vero che la scelta dello switch è un fattore soggettivo, ma ci sono anche dei dati puramente oggettivi. Quando scegliamo uno switch, specialmente se siamo alle prime armi, dobbiamo stare attenti a non cadere nella trappola del marketing e della disinformazione. Quante volte abbiamo sentito dire Red per giocare, Brown per un utilizzo misto e Blue per scrivere? Purtroppo tante volte, anzi, troppe. 

Questo non è assolutamente vero! Però allora, come fare, senza mai aver provato niente, a scegliere gli switch della nostra prima tastiera meccanica? La cosa migliore che possiamo fare è fidarci di chi ha provato più tastiere di noi e di chi conosce l'argomento. Prima di tutto, cerchiamo di capire se vogliamo uno switch lineare, tattile o clicky. Il consiglio è di puntare su lineari o tattili, scegliendo tra queste due tipologie in base alla disponibilità dei singoli switch.

Spieghiamoci meglio: non tutti gli switch lineari o tattili sono buoni. Magari abbiamo preferenza su switch tattili,  in stock sono disponibili solo modelli scadenti, ma in compenso sono disponibili ottimi modelli lineari. In questo caso la miglior scelta da fare è andare su un buon lineare, ci darà sicuramente una soddisfazione maggiore.

QUALI SWITCH SCEGLIERE: CHERRY MX

I Cherry MX sono sicuramente i più famosi e i più popolari switch meccanici, basti pensare che al mondo sono stati venduti oltre 6 miliardi di questi switch. È molto probabile che questi switch siamo l'unica, o una delle pochissime scelte disponibili quando compriamo una tastiera. Andiamo ad analizzarli uno per uno. 

LINEARI

CHERRY MX RED: Questi switch sono tra i più popolari nel mondo del gaming. Sono degli switch lineari con forza di attuazione di 45 cN. La molla è particolarmente leggera, si rischia di fare tocchi involontari se non ci si è abituati. Non sono particolarmente fluidi. Come tutti i Cherry soffrono di ping: un riverbero metallico causato dalla molla durante la risalita. 

CHERRY MX SILENT RED: Variante silent dei Cherry MX Red. Sono identici ai Red normali per caratteristiche tecniche, ma tendono ad accentuare i problemi quali la poca fluidità e il ping. Sconsigliati

CHERRY MX SPEED SILVER: Switch figli del marketing, come si intuisce dal nome. Sono degli switch linari con forza di attuazione di 45 cN. Oltre avere una molla particolarmente leggera come i fratelli Red, questi switch hanno una corsa molto bassa. Questo vuol dire che la distanza che lo switch deve percorrere prima di mandare il segnale di attuazione è inferiore a quella a cui siamo abituati. Questa feature non ci farà essere più veloci nei giochi, anzi, potrebbe rischiare di farci commettere tocchi involontari. Sono switch molto particolari, si fanno odiare e amare, dipende da noi. Anche qui è presente del ping. 

CHERRY MX BLACK: I Cherry più amati della community. Sono degli switch lineari con forza di attuazione di 60 cN. Come ogni switch lineare, questi Cherry sono ottimi grazie ad una molla più pesante. Sono abbastanza fluidi, seppur andrebbero lubrificati per ottenere il meglio. Il ping è presente ma in maniera decisamente inferiore rispetto ad un Cherry Red. Questi sono gli switch più consigliati se cerchiamo lineari in tastiere preassemblate.

CHERRY MX SILENT BLACK: Variante Silent dei Cherry Black. Sono identici ai normali Black anche se il feedback lineare è leggermente diverso. Perdono, non per forza in negativo, quella tipica fluidità amata dei Cherry Black originali. 

 

TATTILI

CHERRY MX BROWN: Gli switch più venduti in assoluto da Cherry e probabilmente anche i peggiori in commercio. Questo switch è considerato tattile ma il feedback che restituisce durante la pressione è praticamente inesistente. Con una forza di attuazione di 55 cN risultano essere una versione leggermente più pesante e ancora meno fluida di un Cherry Red. Assolutamente sconsigliati. 

CHERRY MX CLEAR: Gli unici switch tattili consigliabili di Cherry. Con una forza di attuazione di 65 cN e un bump abbastanza presente, sono piacevoli da utilizzare. Nonostante non siano al livello di switch tattili aftermarket, sono l'unica opzione da tenere in considerazione se cerchiamo degli switch tattili e i Cherry sono gli unici disponibili

 

CLICKY

CHERRY MX BLUE: I più famosi switch clicky, ed anche i peggiori. Questi switch hanno una forza di attuazione di 60 cN e non sono tra i più piacevoli da utilizzare. Il feedback uditivo è plasticoso e dopo qualche giorno di utilizzo non lo sopportiamo più. I Cherry MX Blue sono quegli switch da evitare a tutti i costi, possono rovinare l'esperienza di scrittura anche su un'ottima tastiera

CHERRY MX GREEN: Molto rari, questi switch sono identici ai Cherry MX Blue ma con una forza di attuazione di 80 cN. 

QUALI SWITCH SCEGLIERE: GATERON, OUTEMU, KAILH

In questa sezione andremo a parlare solo di alcuni dei più popolari switch che possiamo trovare già saldati all'interno di tastiere meccaniche preassemblate. Escluderemo dal discorso tutti gli switch ibridi di tipo elettro-capacitivo come Topre o Niz.

OUTEMU: Switch di media-bassa qualità se non per alcuni modelli che purtroppo non sono mai venduti saldati all'interno di tastiere commercializzate. Si prende quello che c'è, da non considerare se non su una tastiera che costi meno di 50€

 

GATERON

GATERON RED: A differenza dei Cherry MX red questi switch non soffrono di ping e sono sorprendentemente fluidi già senza essere lubrificati. Consigliati se cerchiamo switch lineari e non è disponibile la versione Black.

GATERON BROWN: Il migliore switch tattile economico. A differenza di un Cherry MX Brown il bump è piacevole e lo si riesce ad apprezzare. Unito ad una discreta fluidità questo è lo switch da prendere se cerchiamo switch tattili e abbiamo poca scelta unita ad un basso budget.

GATERON YELLOW: I migliori? Si, sicuramente sono loro. Sono degli switch lineari estremamente fluidi e piacevoli da utilizzare. Se lubrificati possono dare filo da torcere anche a switch da 1$ l'uno! Scegliamo loro senza pensarci se disponibili tra le scelte. 

 

KAILH 

KAILH BOX RED/BROWN: Rispettivamente uno switch lineare e tattile. Raramente si trovano come unica opzione di switch in una tastiera, di norma sono sempre affiancati dalla controparte Gateron. È sempre meglio preferire quest'ultima in quanto migliore in termini di fluidità, durata e predisposizione al modding. 

KAILH BOX WHITE/NAVY/JADE: Se stiamo cercando degli switch clicky con la C maiuscola, questi sono i modelli a cui puntare. A differenza dei Cherry MX Blue non utilizzano il classico metodo della click jacket, il che gli permette di avere un suono elegante ed un feedback deciso. I più consigliati se si cercano switch clicky. Attenzione, i Navy sono molto pesanti!

 

SOSTITUIRE GLI SWITCH DELLA NOSTRA TASTIERA MECCANICA

Qui siamo un po’ in bilico tra il soggettivo e l'oggettivo. Per quanti discorsi si possano fare, alla fine si deve utilizzare quello con cui ci si trova meglio. È comunque sempre bene seguire i consigli, come in questo caso, di chi ha provato tanti tipi di switch.

NOTA: Non ha senso comprare degli switch molto costosi se poi abbiamo una tastiera di basso livello. Se vogliamo spendere anche 70€ per degli switch, assicuriamoci di metterli su una tastiera che possa “tenere testa”. 

Se decidiamo di cambiare switch alla nostra tastiera, a meno che non abbiamo un modello hotswap ci serviranno stagno, pompetta dissaldante (o equivalente funzione) e un saldatore. Ecco i modelli consigliati 

TS100 (Saldatore): Link
Mechanist 0.6mm (Stagno): Link
SS-02 (Pompetta dissaldante): Link

Ma cosa ancora più importante, non scordiamo di lubrificare i nostri switch. È un passaggio essenziale per fare un salto di qualità nella nostra esperienza di scrittura e di gioco. Costa pochissimo e ci vogliono meno di 30 minuti! Eccome come si fa

Come lubrificare gli switch della tastiera meccanica: Link

Esistono altri metodi per lubrificare gli switch della tastiera meccanica. Questo è uno dei tanti ed anche il più rapido ed economico. Utilizziamo quello con cui ci troviamo più a nostro agio.

 

SWITCH LINEARI SOSTITUTIVI

Iniziamo con loro, i più famosi e di certo i migliori per qualità/prezzo

Gateron Yellow: Link

Se invece volessimo qualcosa di più particolare (e più costoso), con una molla più pesante 

Gateron Ink Black: Link
Durgod Linear: Link

Non sappiamo quale scegliere e vogliamo un consiglio diretto? I Gateron Yellow sono degli switch che costano poco e si fanno adorare. 

 

SWITCH TATTILI SOSTITUTIVI

Per quanto riguarda gli switch tattili la situazione è leggermente più complicata. Per i lineari, la fluidità è una cosa abbastanza oggettiva, si tratta di attrito: una grandezza scalare quantificabile. L’opzione soggettiva poteva essere il peso della molla o il suono prodotto.

In questo caso, non solo si deve tenere conto di fluidità, peso della molla e suono. Ma anche della caratteristica più importante di questo tipo di switch, la tattilità. Su internet possiamo facilmente trovare faide ed idee totalmente costrantati (si veda il dibattito sugli Holy Panda e derivati che sono stati creati). Quelli che troveremo qui sono solo alcuni consigli:

Outemu Silent Sky (silent): Link
Boba U4 (silent): Link
SP Star Purple: Link
Durgod T1: Link
Holy Panda: Link

Non sappiamo quale scegliere e vogliamo un consiglio diretto? I Boba U4 sono degli switch che non ci deluderanno, prendiamo loro. 

 

SWITCH CLICKY SOSTITUTIVI

Come detto anche prima, non si può consigliare uno switch clicky con meccanismo click jacket (come i Blue). La migliore scelta da fare per quanto riguarda gli switch cross-mount (quelli MX) è puntare su modelli con meccanismo click bar. Ecco i modelli consigliati

Kailh Box White: Link
Kailh Box Navy: Link
Kailh Box Jade:Link

Non sappiamo quale scegliere e vogliamo un consiglio diretto? I Box Jade sono un'ottima via di mezzo, prendiamo quelli.

 

CONCLUSIONE

Sugli switch c'è davvero tanto da dire. Si sarebbe potuto parlare di argomenti più tecnici come la differenza tra switch PCB mount e Plate mount o del Wobble nei vari modelli, ma sarebbe stato superfluo ai fini di questo articolo. Qui dentro troviamo tutto quello che ci serve per iniziare, leggiamolo con attenzione e impareremo a muoverci all'interno del complesso mondo delle tastiere meccaniche. Ma ricordiamo sempre: scegliamo ciò che ci piace di più, ma con furbizia.





Categoria: Periferiche

Sottocategoria: Tastiere