Dopo la guida riguardo i migliori alimentatori sotto i 100 euro, che comprende alimentatori di fascia media/bassa/alta, abbiamo deciso di creare quella sotto i 200 euro aumentando di molto la qualità dato l’arrivo delle nuove schede video di Nvidia (RTX 3000), di AMD (RX 6000) quanto delle delle nuove CPU di Intel (decima e undicesima generazione) e di AMD (Ryzen 5000).

Sempre in ambito processori esigenti, ecco le guide per schede madri:

INTEL

ITX: MIGLIORI SCHEDE MADRI INTEL ITX SOTTO I 300 EURO (Z490)

ATX: MIGLIORI SCHEDE MADRI INTEL SOTTO I 300 EURO

ATX: MIGLIORI SCHEDE MADRI INTEL SOTTO I 200 EURO

 

AMD 

ATX: MIGLIORI SCHEDE MADRI AMD SOTTO I 200 EURO (B450/X470/B550)

ATX: MIGLIORI SCHEDE MADRI AMD SOTTO I 100 EURO (B450/X470)

 

Più si aumenta il budget per l’alimentatore e più la differenza di qualità tra quest’ultimi diminuisce su questa determinata fascia di prezzo (ma anche su fasce superiori). 

Nonostante ciò, tra alimentatori di fascia 50-100€ e 100-200€ si crea un divario notevole; quindi in ogni caso, qualsiasi alimentatore presente in questa guida è ottimo/eccellente.

Quindi dovunque si posi il nostro occhio, avremo una scelta di qualità. Non stiamo troppo a scervellarci!

 

Prima di iniziare con l’effettiva guida ci teniamo a specificare un’ultima cosa vitale: molte volte, sul nostro gruppo di Telegram, ci viene chiesto come calcolare il consumo totale di un PC; bene, per fare questo calcolo è davvero molto semplice. 

Ci basterà trovare una recensione del nostro processore e della nostra scheda video. Alla voce “consumi” (Consigliamo TechPowerUp o Anandtech per analisi precise) avremo i dati di riferimento in picco massimo.

Il  totale del nostro PC sarà definito maggiormente dalla somma di questi due valori.

Nota: teniamo a mente che quelli sono i valori al 100% del carico di entrambe le componenti. Raramente processore e scheda video raggiungono il massimo sforzo in contemporanea.

 

Esempio pratico: se abbiamo intenzione di farci un PC con un processore Intel Core i7 10700K e una scheda video Nvidia RTX 3080, sappiamo già che la scelta ideale sarà quella di ripiegare su un alimentatore da circa 650W dato che l’i7 10700K in overclock a 5 GHz e in stress test arriva a circa 211W, la RTX 3080 in gaming arriva a circa 332W consumando in totale 543W. Naturalmente, meglio sovradimensionarlo in modo sensato per eventuali aggiornamenti dei componenti.

 

Antec High Current Gamer - NZXT E/C -  ASUS ROG Strix- Seasonic Focus+

Prezzo consigliato: meno di 130 euro

Cavi: completamente modulare

Certificazione: 80 Plus Gold

Fonte della foto - Fonte della foto - Fonte della foto - Fonte della foto

Iniziamo la guida con 4 alimentatori di fascia alta che godono della certificazione 80 Plus Gold, di piena modularità e di performance ottime. Questi 4 alimentatori condividono lo stesso livello di qualità grazie alla piattaforma in comune (modello Focus+ prodotta da Seasonic), la stessa componentistica e performance, infatti hanno tutti quanti condensatori completamente giapponesi (che possono variare in Hitachi, Nippon Chemi-Con e Nichicon, ma rimanendo sullo stesso livello di qualità) e sono tutti protetti da casi di sovratensione o sottotensione, sovracorrente, surriscaldamento e cortocircuito; Il massimo che può cambiare è la ventola, ma non ha grandissima rilevanza visto che le aziende comprano la componentistica da un OEM e fanno assemblare da un’altra.

Nota: l’unica differenza tra l’NZXT E e l’NZXT C è che il primo presenta i circuiti digitali, niente che vada ad impattare sulle performance e sulla qualità dell’alimentatore.

Antec High Current Gamer: https://amzn.to/3toJZWk

Amazon NZXT C: https://amzn.to/38PRxK6

ASUS ROG Strix: https://amzn.to/38OZdfG

Seasonic Focus+: https://amzn.to/3eNGrJj

 

Seasonic Prime GX

Prezzo consigliato: meno di 130 euro

Cavi: completamente modulare

Certificazione: 80 Plus Gold

Fonte della foto

Come successivo alimentatore troviamo il fratello più giovane del Seasonic Focus+ che abbiamo visto nella categoria precedente; si può dire che è leggermente migliore del Seasonic Focus+ visto che ha una soppressione del ripple leggermente inferiore (si parla di 10 milliVolt, quindi poco) e una garanzia estesa a 12 anni, ma nel resto sono completamente uguali. Stesso PCB, stessa ventola e stessi componenti. Tuttavia, se lo si potesse reperire ad un prezzo simile a quello del fratello maggiore, sarebbe meglio comprare questo.

Seasonic Prime GX: https://amzn.to/3bSxbl9

 

Super Flower Leadex III

Prezzo consigliato: meno di 150 euro

Cavi: completamente modulare

Certificazione: 80 Plus Gold

Fonte della foto

Dopo una bella manciata di Seasonic Focus+, ci troviamo di fronte a un alimentatore prodotto da un brand sicuramente meno conosciuto rispetto a Seasonic, ma che offre un alimentatore migliore mantenendo sempre la certificazione 80 Plus Gold e la completa modularità dei cavi.
Questo alimentatore è prodotto in casa (Super Flower funge da OEM per tante altre aziende, come ha fatto con EVGA per la serie Gold, Platinum e Titanium ecc.). Si basa sulla recente piattaforma Leadex III, che riesce ad avere una soppressione del ripple migliore (la differenza è di massimo 20 milliVolt) e un mantenimento delle tensioni delle varie rail davvero ottimo. Come condensatori al primario presenta due Nippon Chemi-Chon di serie KMR messi in parallelo da 400V, 330 uF (per quello da 750W), 105 gradi e 2000 ore.

Super Flower Leadex III: https://amzn.to/3lnmtqd

Corsair RMx - Corsair RMi

Prezzo consigliato: meno di 150 euro

Cavi: completamente modulare

Certificazione: 80 Plus Gold

Fonte della foto - Fonte della foto

Non poteva mancare almeno un alimentatore marchiato da Corsair in questa guida, visto che, su questa fascia, offrono prodotti davvero molto interessanti come rapporto qualità/prezzo. 

Quello che stiamo vedendo (come per la maggior parte delle aziende, per esempio EVGA, Cooler Master, SilverStone, Sharkoon, DeepCool ecc.) non è costruito realmente da Corsair ma da CWT, basandosi sulla piattaforma di fascia alta GPU. Rispetto al Super Flower Leadex III ha una componentistica leggermente superiore e protezioni impostate in modo migliore, mentre il Corsair RMi rispetto all’RMx ha una componentistica lievemente inferiore e il monitoraggio tramite il software iCUE incluso.

Nota: spesso si fa confusione con il Corsair RM normale ma è importante distinguerli.

Corsair RM è peggiore e non di poco (sia come qualità assoluta e sia come rapporto qualità prezzo).

 

Corsair RMx: https://amzn.to/3vzMdnN

Corsair RMi: https://amzn.to/2P5ia6w

Corsair HX - Corsair HXi

Prezzo consigliato: meno di 150 euro

Cavi: completamente modulare

Certificazione: 80 Plus Platinum

Fonte della foto - Fonte della foto

Da qui in poi inizieremo a vedere alimentatori con certificazione 80 Plus Platinum (quindi con un’efficienza maggiore) e di qualità ancora superiore, soprattutto lato componentistica. Se ancora non ci fosse chiaro che cosa sia la certificazione dell'efficienza ossia il bollino di nome “80 Plus”, abbiamo creato un articolo che lo spiega al meglio in tutte le sue forme.

Detto ciò, il Corsair HX e HXi è un altro alimentatore prodotto da CWT con una piattaforma a noi sconosciuta, ma di fascia alta. Entrambi hanno condensatori completamente giapponesi, un’elettronica, un PCB e una qualità delle saldature ottimi, anche se l’HXi ha performance ed elettronica inferiori (essendo molto più vecchio) e il monitoraggio tramite iCUE. Sono comunque migliori rispetto ai Corsair RMx e Corsair RMi.

 

Corsair HX: https://amzn.to/3cGU8XR

Corsair HXi: https://amzn.to/3bSCBg0

 

EVGA P2

Prezzo consigliato: meno di 200 euro

Cavi: completamente modulare

Certificazione: 80 Plus Platinum

Fonte della foto

Come penultimo alimentatore con certificazione Platinum abbiamo deciso di inserirne uno marchiato da EVGA ma prodotto da Super Flower basandosi sulla piattaforma Leadex II, la stessa per gli EVGA G3 e T2. Non c’è molto da dire su questi alimentatori: semplicemente eccellenti. Inutile dire che il PCB, l’elettronica e le performance è/sono ottimo/a/e con una bassissima rumorosità e basse temperature.

Una scelta assolutamente ottima senza pensarci troppo.

EVGA P2: https://amzn.to/3eNUi2r

 

Seasonic Prime Platinum

Prezzo consigliato: meno di 200 euro

Cavi: completamente modulare

Certificazione: 80 Plus Platinum

Come ultimo alimentatore con certificazione Platinum troviamo il Seasonic Prime, che, basandosi sempre sulla stessa piattaforma dei Prime (quindi la Focus+), ha prestazioni altissime con condensatori di fascia alta completamente giapponesi. Forse peggiore (ma di pochissimo) dell’EVGA P2, ma rimane eccellente pure lui.

Siamo ormai in una fascia dove le differenze si assottigliano a tal punto da essere quasi insignificanti.

Seasonic Prime Platinum: https://amzn.to/3cEFu3i

 

OPZIONE BONUS

Seasonic Prime Titanium

Prezzo consigliato: meno di 200 euro

Cavi: completamente modulare

Certificazione: 80 Plus Titanium

Come ultimo alimentatore della guida troviamo la solita Seasonic, in questo caso con certificazione 80 Plus Titanium. Non c’è molto da dire in più in confronto agli altri alimentatori, con una garanzia molto longeva Seasonic ci offre ancora una volta uno dei migliori alimentatori in commercio con un’efficienza altissima. Il contenuto della confezione trasuda qualità a prima vista e lascia intendere il perché questo alimentatore sia il dulcis in fundo della nostra classifica dei migliori alimentatori sotto i 200 euro!

Un vero e proprio Titano.

Seasonic Prime Titanium: https://amzn.to/30SrTQo

 

Fonti:

Tom’s Hardware USA

TechPowerUp

Categoria: Hardware

Sottocategoria: Alimentatore