Naturalmente dopo la creazione della guida all’acquisto per le schede madri Intel ITX sotto i 300 euro, non abbiamo pensato due volte a farne una identica ma in casa AMD.

Dal lato rosso è  presente un’offerta di schede madri maggiore visto che non prenderemo in considerazione solo un chipset (nel caso di Intel Z490 e simili z590 quando diffuse).

 

Nel caso di Intel abbiamo dovuto prendere in considerazioni solo schede madri che si basassero sul chipset Z490 per diversi motivi, i quali (che sono gli stessi per il quale non esiste - e per ora non verrà creata - una guida all’acquisto per le schede madri sotto i 100 euro):

  • Le B460/H470 non sono schede madri nate per l’overclock, pertanto non esistono liste che elencano i VRM o recensioni serie che rimuovono il dissipatore per vedere la configurazione VRM;

  • Le B460/H470 sono attualmente troppo costose, in generale, il loro prezzo si aggira sullo stesso - o arriva a cifre più alte - delle Z490;

  • Le B460/H470 e tutti i chipset tranne Z490, supportano le RAM a massimo 2666 MT/s, il che fa rendere il tutto meno performante sia durante il gaming e sia durante la produttività;

  • I corrispettivi B560 e H570 costano ancora di più rispetto alle controparti 400.

Prima di passare alla guida effettiva è meglio se puntualizziamo un particolare:

ci sono diversi aspetti significativi da considerare quando si parla di ITX. Prima di tutto le schede sono molto più corazzate delle controparti ATX che appartengano alla stessa categoria (Ad esempio, Aorus B450 Pro AX vs Aorus B450I Pro AX). Questo perché le build ITX tendono ad ospitare temperature soffocanti e un minore ricircolo d’aria, specialmente per componenti vitali come i VRM della scheda madre. Pertanto è normale vedere schede sotto i 300 euro superare i layout delle loro controparti maggiori. Spesso adottano anche dissipazione attiva per poter contrastare al meglio il thermal throttling.

Rimane tuttavia il fatto che le ITX siano in ascesa solo da qualche anno e che siano ancora un mondo acerbo e con necessità di migliorare, quanto anche più impegnativo rispetto alle normali build “full size”. Oltre ai VRM, è importante valutare anche la posizione e la qualità delle porte in base al case in cui vorremo inserirle. Su questo non potremo aiutarvi, in quanto i case ITX hanno tutti una loro natura specifica!

Vediamo ora le nostre proposte.

 

Gigabyte B450I Aorus Pro WiFi

Fonte della foto

Link: https://amzn.to/3tR4dsk

CARATTERISTICHE:

Formato: ITX

Chipset: B450

Configurazione VRM: controller Infineon IR35201 (da 8 fasi configurato in 4+2)

MOSFET Infineon PowIRstage IR3556

Temperature FET: -

ARGB: si (1 RGB, 1 ARGB)

Porte M.2: 1

Prezzo consigliato: meno di 130 euro

La guida inizia con una scheda madre che può essere considerata come il “minimo sindacale” se si vuole una ITX ad un buon prezzo e con una configurazione VRM e dissipazione buona. Questa scheda madre prodotta da Gigabyte presenta come configurazione VRM un controller di Infineon di fascia alta (IR35201) configurato in 8 fasi (4+2) che produce sul VCore (parte dei VRM che gestisce la CPU) 4 fasi reali e sul VSoC (parte dei VRM che gestisce eventuali APU, quindi CPU con la GPU integrata) 2 fasi reali accompagnate da degli ottimi Power Stage (che ricordiamo essere dei “pacchetti” che integrano High-Side, Low-Side e Dr.MOS) da 50A sempre di Infineon (IR3556). Con un power delivery (capacità dei VRM espressa in Ampere) totale di 200A per il VCore e 100A per il VSoC, è in grado di reggere anche un 3950X in overclock. Oltre ad avere un I/O piuttosto buono, è presente anche un modulo WiFi integrato. 

Nota: le B450 non hanno il BIOS aggiornato per supportare i Ryzen 5000.

 

MSI B450I Gaming Plus AC

Fonte della foto

Link: https://amzn.to/398ZRoi

CARATTERISTICHE:

Formato: ITX

Chipset: B450

Configurazione VRM: controller Infineon IR35201 (da 8 fasi configurato in 6+2)

MOSFET Infineon PowIRstage IR3555

Temperature FET: -

ARGB: no (2 RGB)

Porte M.2: 1

Prezzo consigliato: meno di 150 euro

Come seconda scheda madre e come ultima opzione per il chipset B450, abbiamo deciso di inserire la MSI B450I Gaming Plus AC. Rispetto alla Aorus Pro di prima il salto di qualità c’è, e non è nemmeno poco: avendo lo stesso controller configurato in maniera diversa (prima era da 8 fasi ma configurato in 4+2, ora è sempre da 8 fasi ma configurato in 6+2) riesce a produrre un numero maggiore di fasi reali per il VCore (6, il VSoC rimane invariato, 2 fasi reali) accompagnate da dei Power Stage sempre di Infineon ma decisamente migliori ed efficienti, ovvero gli IR3555. Questi Power Stage rispetto a gli IR3556 (che dovrebbero essere i successori) hanno un’efficienza di 60A, in modo da permettere di tenere meglio sotto carico un numero maggiore di corrente (avendo anche un power delivery alto per essere una B450, 360A sul VCore e 120A sul VSoC) e di supportare fino a un 3950X in overclock. Migliore rispetto alla Aorus Pro anche come dissipazione e BIOS, peccato per l’assenza del modulo WiFi. Ricordiamo che le B450 non hanno il BIOS aggiornato per supportare i Ryzen 5000.

 

ASUS ROG Strix B550-I Gaming

Fonte della foto

Link: https://amzn.to/3tP85K7

CARATTERISTICHE:

Formato: ITX

Chipset: B550

Configurazione VRM: controller ASP 1106JGQW (da 6 fasi configurato in 4+2)

MOSFET Vishay SiC639

Temperature FET: -

ARGB: sì (1 RGB, 1 ARGB)

Porte M.2: 2

Prezzo consigliato: meno di 200 euro

Saltando il chipset X470 (vista la scarsa disponibilità e l’alto prezzo) passiamo direttamente al B550, partendo con una di ASUS, la ROG Strix B550-I Gaming. Questa scheda madre ci ha strabiliato per la sua qualità, infatti disponendo di un ottima dissipazione per essere in formato ITX è composta da dei VRM molto solidi e complessivamente buoni; il controller è di ASP e il modello è 1106JGQW, è di media qualità e in questo caso produce 4 fasi in parallelo (4x2) per il VCore e 2 fasi reali per il VSoC accompagnate da dei Power Stage di Vishay di fascia alta, i SiC639 da 50A. Avendo un power delivery da 400A per il VCore e 100A è adatta pure per un 5950X.

 

Gigabyte B550I Aorus Pro AX

Fonte della foto

Link: https://amzn.to/3tQRupg

CARATTERISTICHE: 

Formato: ITX

Chipset: B550

Configurazione VRM: controller Intersil ISL229004 (da 8 fasi configurato in 6+2)

MOSFET Intersil ISL99390

Temperature FET: -

ARGB: sì (1 RGB, 1 ARGB)

Porte M.2: 2

Prezzo consigliato: meno di 220 euro

Come altra B550 troviamo la Gigabyte Aorus Pro AX. Abbiamo deciso di inserirla per la sua ottima qualità e per il fatto che su questa fascia di prezzo, la consideriamo un best buy. Le feature che possiede sull’I/O sono a dir poco ottime con una configurazione VRM e una dissipazione impressionante (composta da heatpipe per i VRM): il controller di fascia alta (Intersil ISL229004) è in grado di produrre 6 fasi reali sul VCore e 2 fasi reali sul VSoC utilizzando dei Power Stage di fascia altissima sempre in casa Intersil, gli ISL99390 da 90A. Producendo quindi, un totale di 540A sul VCore e 180A sul VSoC come power delivery, questa scheda madre è in grado di reggere qualsiasi CPU sotto overclock.

Abbiamo realizzato una build con questa scheda madre e Ryzen 5600X.

 

MSI MPG B550I Gaming Edge WiFi

Fonte della foto

Link: https://amzn.to/3lMKM11 

CARATTERISTICHE:

Formato: ITX

Chipset: B550

Configurazione VRM: controller MPS MP2855GUT (da 10 fasi configurato in 8+2)

MOSFET MPS Monolithic Power MP86936

Temperature FET: -

ARGB: sì (1 ARGB)

Porte M.2: 2

Prezzo consigliato: meno di 200 euro

Per terminare il giro delle B550 abbiamo deciso di inserire una di MSI, la MPG Gaming Edge WiFi. Questa MSI appare indubbiamente solida sia come dissipazione e VRM, avendo una configurazione VRM di “buona fattura” (8 fasi reali per il VCore e 2 fasi reali per il VSoC create da un controller MPS di fascia alta; i Power Stage utilizzati hanno una buona curva d’efficienza e sono da 60A, in modo tale da “creare” un power delivery da 480A per il VCore e 120A per il VSoC), un backplate per i VRM, una ventola per i VRM e per l’M.2. Peccato per il CMOS piuttosto scomodo posizionato sotto la scocca in plastica dell’I/O, rendendolo quasi inutile per una build come le ITX.

A meno di 200 euro è sicuramente un buon acquisto.

Con questa scheda madre abbiamo fatto una build con Ryzen 3600.

 

ASUS ROG Strix X570-I Gaming

Fonte della foto

Link: https://amzn.to/3f99lDS 

CARATTERISTICHE:

Formato: ITX

Chipset: X570

Configurazione VRM: controller ASP 1405I (Infineon IR35201) (da 8 fasi configurato in 4+2)

MOSFET Infineon TDA21472

Temperature FET: -

ARGB: sì (1 RGB, 1 ARGB)

Porte M.2: 2

Prezzo consigliato: meno di 280 euro

Dopo una bella serie di schede madri di chipset B450 e B550, iniziamo (e quasi finiamo) con quelle di chipset X570. Come X570 di ASUS abbiamo deciso di valutare e scegliere la ROG Strix I Gaming. Questa scheda madre - nonostante il prezzo un po’ alto in generale - offre un complesso dei VRM ben solido con un eccellente dissipazione e un I/O non male. Il VRM è formato da un controller PWM ASP 1405I (rebrand dell’Infineon IR35201 di fascia alta) che manda 4 segnali in parallelo per la parte del VCore e 2 segnali reali per la parte del VSoC. I Power Stage che ASUS ha deciso di utilizzare sono sempre di Infineon e sono i TDA21472 da 70A con ottime caratteristiche. La dissipazione offre un heat pipe per i VRM, due ventole (per i VRM e PCH) e backplate per i VRM.

Purtroppo non ha la porta per connettere la USB 3.2 per collegare la USB-C frontale dei case, teniamo bene a mente questo dettaglio per ogni evenienza.

Con questa scheda madre, abbiamo realizzato una build con Ryzen 3900X.

 

Gigabyte X570I Aorus Pro WiFi

Fonte della foto

Link: https://amzn.to/3vXLoVW 

CARATTERISTICHE:

Formato: ITX

Chipset: X570

Configurazione VRM: controller Infineon IR35201 (da 8 fasi configurato in 6+2) 

MOSFET Infineon TDA21472

Temperature FET: -

ARGB: sì (1 RGB, 1 ARGB)

Porte M.2: 2

Prezzo consigliato: meno di 220 euro

Come ultima scheda madre, abbiamo una Gigabyte X570I Aorus Pro WiFi. Inutile dire che questa scheda madre è ottima, basta e avanza pure per un 5950X a stock o sotto overclock, ma abbiamo deciso di inserirla per il prezzo ottimo che ha essendo una X570. Se dovessimo necessitare del doppio PCIe 4.0 per la scheda video o per l’SSD (cosa molto più sensata per gli SSD visto che i 4.0 stanno prendendo sempre più piede nel mercato), solo una X570 lo può permettere, rendendola un buon acquisto nel caso avessimo un budget inferiore ai 200 euro. Come VRM è tale e quale alla ASUS ROG Strix X570-I Gaming che precedentemente abbiamo visto, solo che al posto di avere 4 fasi in parallelo (quindi in totale 8) sul VCore ha 6 fasi reali, che purtroppo, causano un power delivery inferiore. Anche la dissipazione è peggiore, ma non potevamo aspettarci una scheda madre a migliore a quasi 100 euro in meno. Tuttavia, è un ottimo acquisto nel caso volessimo anche un modulo WiFi integrato nella scheda madre.

 

Fonti:

Tom's Hardware USA

TechPowerUp

KitGuru

Categoria: Hardware

Sottocategoria: Scheda madre