MSI chiude il supporto ad Afterburner?

Siamo alla fine di un'era per il popolare strumento di tweaking e utility per schede video?

Ads

Tutti conosciamo e, probabilmente, utilizziamo, il noto software MSI Afterburner per il monitoraggio ed il tweaking della nostra scheda video, anche se non del brand MSI.

Sul forum di hardware Guru3D è solito pubblicare anche lo sviluppatore di Afterburner, il russo Alexey “Unwinder” Nicolaychuk, che avrebbe riportato notizie preoccupanti riguardo il progetto. A causa del conflitto in corso ormai da quasi un anno tra Russia ed Ucraina e delle sanzioni conseguenti, moltissime aziende non sono più in grado di adempiere ai loro impegni contrattuali sottoscritti in Russia (si pensi ad esempio a quante multinazionali hanno chiuso praticamente ogni attività sul suolo russo).

Secondo Nicolaychuk, il progetto è “praticamente morto”, poiché sono più di 11 mesi che MSI non porta più avanti il supporto allo strumento, a causa appunto delle turbolenze belliche e politiche.

Il post "incriminato" di Unwinder - fonte: Guru3D forums

Come detto in apertura, di tutti i software di gestione delle schede video (ogni brand principale praticamente ne ha sviluppato uno proprietario, si pensi ad esempio a FireStorm di Zotac o al GPU Tweak di Asus) Afterburner rimane di gran lunga il più conosciuto ed utilizzato dagli utenti, e peraltro MSI stessa sembra ancora ufficialmente riconoscerlo anche per il recentissimo lancio della nuova RTX 4070 Ti.

Unwinder sembrerebbe aver confermato comunque il proprio supporto al progetto a titolo personale e nel tempo libero disponibile, dunque in forma limitata: le sanzioni infatti possono prevedere limitazioni stringenti ai finanziamenti delle attività ma anche restringere o impedire la disponibilità di hardware in anteprima, di fatto rallentando o addirittura arrestando il processo di aggiornamento e sviluppo del programma.

Per quello che riguarda il tool RivaTuner Statistic Server (RTSS), strumento che accompagna Afterburner, non essendo uno software proprietario di MSI, non viene impattato dalle sanzioni internazionali e continua il proprio sviluppo senza particolari interferenze o limitazioni.

Fonti: VideoCardz, Guru3D forums

MSI chiude il supporto ad Afterburner?

Siamo alla fine di un'era per il popolare strumento di tweaking e utility per schede video?

/pubblicazioni/1226_msi-chiude-il-supporto-ad-afterburner

Alessandro Trezzi

/pubblicazioni?author=30_Alessandro-TrezziThumbnail

Tutti conosciamo e, probabilmente, utilizziamo, il noto software MSI Afterburner per il monitoraggio ed il tweaking della nostra scheda video, anche se non del brand MSI.

Sul forum di hardware Guru3D è solito pubblicare anche lo sviluppatore di Afterburner, il russo Alexey “Unwinder” Nicolaychuk, che avrebbe riportato notizie preoccupanti riguardo il progetto. A causa del conflitto in corso ormai da quasi un anno tra Russia ed Ucraina e delle sanzioni conseguenti, moltissime aziende non sono più in grado di adempiere ai loro impegni contrattuali sottoscritti in Russia (si pensi ad esempio a quante multinazionali hanno chiuso praticamente ogni attività sul suolo russo).

Secondo Nicolaychuk, il progetto è “praticamente morto”, poiché sono più di 11 mesi che MSI non porta più avanti il supporto allo strumento, a causa appunto delle turbolenze belliche e politiche.

Il post "incriminato" di Unwinder - fonte: Guru3D forums

Come detto in apertura, di tutti i software di gestione delle schede video (ogni brand principale praticamente ne ha sviluppato uno proprietario, si pensi ad esempio a FireStorm di Zotac o al GPU Tweak di Asus) Afterburner rimane di gran lunga il più conosciuto ed utilizzato dagli utenti, e peraltro MSI stessa sembra ancora ufficialmente riconoscerlo anche per il recentissimo lancio della nuova RTX 4070 Ti.

Unwinder sembrerebbe aver confermato comunque il proprio supporto al progetto a titolo personale e nel tempo libero disponibile, dunque in forma limitata: le sanzioni infatti possono prevedere limitazioni stringenti ai finanziamenti delle attività ma anche restringere o impedire la disponibilità di hardware in anteprima, di fatto rallentando o addirittura arrestando il processo di aggiornamento e sviluppo del programma.

Per quello che riguarda il tool RivaTuner Statistic Server (RTSS), strumento che accompagna Afterburner, non essendo uno software proprietario di MSI, non viene impattato dalle sanzioni internazionali e continua il proprio sviluppo senza particolari interferenze o limitazioni.

Fonti: VideoCardz, Guru3D forums