Il nuovo SSD Samsung 990 Pro ha un problema di durata?

Anche i flagship soffrono...

Ads

Uno degli SSD Nvme Gen 4 attualmente più veloci sul mercato è senza dubbio il Samsung 990 Pro. Un disco dalle alte prestazioni caratterizzato anche (ovviamente) da un prezzo ‘‘premium’’': 170 dollari per 1 TB e 290 per il taglio da 2 TB.

Con queste premesse sarebbe logico aspettarsi, oltre ad alte prestazioni, una lunga durata, adeguata al livello dell’investimento fatto con l’acquisto. Purtroppo, però, sembra non essere così: il sito Neowin ha infatti riscontrato un rapido decremento della salute di questo drive, indicato dall’utility Samsung Magician (software dedicato agli SSD del gigante sudcoreano). Il termine ‘‘salute’’ è alternativo a quello di ‘‘durata’’ di un drive, poiché entrambi indicano il numero di cicli di scrittura/cancellazione sulla memoria NAND flash prima che che una parte del disco non sia più sovrascrivibile.

Dopo un’installazione pulita sul nuovo disco, la salute dello stesso è immediatamente scesa al 99% e, nei giorni seguenti, ha continuato la propria discesa al vertiginoso ritmo di 1 punto percentuale al giorno, con un utilizzo del disco del tutto normale, fino ad arrivare al 64% per soli 2 TB di byte totali scritti! Il tutto confermato anche da CrystalDiskInfo.

Questa tipologia di problematiche affliggeva le primissime generazioni di SSD consumer in passato, ma oggi è davvero insolita, soprattutto nei prodotti di fascia premium. Nel caso in oggetto, la richiesta di RMA è stata inizialmente respinta da Samsung, che ha dichiarato di non aver trovato difetti.

254697c7-4acb-451e-bdf0-587c227b9cd6.jpeg

L’atteggiamento del CS, però, è cambiato appena presa coscienza del fatto di trovarsi di fronte alla stampa di settore e si è poi provveduto alla sostituzione del drive. Se si tratti di casi sporadici o di problemi di progettazione al momento non è chiaro, sicuramente gli utenti che hanno acquistato questi dischi dovrebbero drizzare le antenne e monitorare accuratamente la situazione.

Fonti: TechPowerUp, Neowin

Il nuovo SSD Samsung 990 Pro ha un problema di durata?

Anche i flagship soffrono...

/pubblicazioni/1241_il-nuovo-ssd-samsung-990-pro-ha-un-problema-di-durata

Alessandro Trezzi

/pubblicazioni?author=30_Alessandro-TrezziThumbnail

Uno degli SSD Nvme Gen 4 attualmente più veloci sul mercato è senza dubbio il Samsung 990 Pro. Un disco dalle alte prestazioni caratterizzato anche (ovviamente) da un prezzo ‘‘premium’’': 170 dollari per 1 TB e 290 per il taglio da 2 TB.

Con queste premesse sarebbe logico aspettarsi, oltre ad alte prestazioni, una lunga durata, adeguata al livello dell’investimento fatto con l’acquisto. Purtroppo, però, sembra non essere così: il sito Neowin ha infatti riscontrato un rapido decremento della salute di questo drive, indicato dall’utility Samsung Magician (software dedicato agli SSD del gigante sudcoreano). Il termine ‘‘salute’’ è alternativo a quello di ‘‘durata’’ di un drive, poiché entrambi indicano il numero di cicli di scrittura/cancellazione sulla memoria NAND flash prima che che una parte del disco non sia più sovrascrivibile.

Dopo un’installazione pulita sul nuovo disco, la salute dello stesso è immediatamente scesa al 99% e, nei giorni seguenti, ha continuato la propria discesa al vertiginoso ritmo di 1 punto percentuale al giorno, con un utilizzo del disco del tutto normale, fino ad arrivare al 64% per soli 2 TB di byte totali scritti! Il tutto confermato anche da CrystalDiskInfo.

Questa tipologia di problematiche affliggeva le primissime generazioni di SSD consumer in passato, ma oggi è davvero insolita, soprattutto nei prodotti di fascia premium. Nel caso in oggetto, la richiesta di RMA è stata inizialmente respinta da Samsung, che ha dichiarato di non aver trovato difetti.

254697c7-4acb-451e-bdf0-587c227b9cd6.jpeg

L’atteggiamento del CS, però, è cambiato appena presa coscienza del fatto di trovarsi di fronte alla stampa di settore e si è poi provveduto alla sostituzione del drive. Se si tratti di casi sporadici o di problemi di progettazione al momento non è chiaro, sicuramente gli utenti che hanno acquistato questi dischi dovrebbero drizzare le antenne e monitorare accuratamente la situazione.

Fonti: TechPowerUp, Neowin