Ottimi risultati per Intel XeSS su Shadow of the Tomb Raider

Digital Foundry promuove a pieni voti l'algoritmo di upscaling di Intel

Ads

Sul proprio canale YouTube il noto portale Digital Foundry ha testato approfonditamente la seconda generazione della tecnologia di upscaling proprietaria della casa blu, Intel XeSS in versione 1.187, mettendola a confronto con il DLSS 2.0 di Nvidia e l’FSR 2.0 di AMD. Il testa a testa ha visto impegnate una RTX 3070 ed una ARC A770, GPU flagship della prima serie ARC di Intel, nell’esecuzione di Shadow of the Tomb Raider.

Intel, che peraltro è già al lavoro sulla nuova versione DP41 del suo algoritmo di machine learning basato sugli ARC core XMX in grado di essere utilizzato anche dalle GPU di terze parti (un po’ come l’FSR di AMD), fa registrare tempi di upscaling sulla ARC A770 di circa 2 ms ai frame-times nel passaggio da 720p a 1440p e 3.4 ms in quello da 1080p a 1440p, che salgono fino a 3.8 ms sulla RTX 3070, posizionandosi leggermente sopra ai risultati dell’FSR 2.0.

Questa nuova tecnologia, non ancora rilasciata, a differenza del DLSS 2.0 e dell’FSR 2.0 dispone anche di una modalità “Ultra Qualità”, che sfrutta una risoluzione maggiore della modalità ”Qualità” e performa dal 16% al 23% meglio in 4K e 1440p. Questo boost prestazionale, in modalità ”Performance”, porta un incremento dal 52% all’88% del framerate e fino al 177% nel test 3DMark con Ray Tracing.

Fonti: VideoCardz, Digital Foundry

Ottimi risultati per Intel XeSS su Shadow of the Tomb Raider

Digital Foundry promuove a pieni voti l'algoritmo di upscaling di Intel

/pubblicazioni/1084_ottimi-risultati-per-intel-xess-su-shadow-of-the-tomb-raider

Alessandro Trezzi

/pubblicazioni?author=30_Alessandro-TrezziThumbnail

Sul proprio canale YouTube il noto portale Digital Foundry ha testato approfonditamente la seconda generazione della tecnologia di upscaling proprietaria della casa blu, Intel XeSS in versione 1.187, mettendola a confronto con il DLSS 2.0 di Nvidia e l’FSR 2.0 di AMD. Il testa a testa ha visto impegnate una RTX 3070 ed una ARC A770, GPU flagship della prima serie ARC di Intel, nell’esecuzione di Shadow of the Tomb Raider.

Intel, che peraltro è già al lavoro sulla nuova versione DP41 del suo algoritmo di machine learning basato sugli ARC core XMX in grado di essere utilizzato anche dalle GPU di terze parti (un po’ come l’FSR di AMD), fa registrare tempi di upscaling sulla ARC A770 di circa 2 ms ai frame-times nel passaggio da 720p a 1440p e 3.4 ms in quello da 1080p a 1440p, che salgono fino a 3.8 ms sulla RTX 3070, posizionandosi leggermente sopra ai risultati dell’FSR 2.0.

Questa nuova tecnologia, non ancora rilasciata, a differenza del DLSS 2.0 e dell’FSR 2.0 dispone anche di una modalità “Ultra Qualità”, che sfrutta una risoluzione maggiore della modalità ”Qualità” e performa dal 16% al 23% meglio in 4K e 1440p. Questo boost prestazionale, in modalità ”Performance”, porta un incremento dal 52% all’88% del framerate e fino al 177% nel test 3DMark con Ray Tracing.

Fonti: VideoCardz, Digital Foundry